La base dell’analisi tecnica

Cosa è l’analisi tecnica?

L’analisi tecnica è il metodo tramite cui si ha la valutazione dei titoli, in seguito alle statistiche generate da attività del mercato, quali i prezzi  e il volume del passato. Gli analisti tecnici del trading online non misurano un titolo per il suo valore intrinseco, ma invece utilizzano grafici ed altri strumenti per identificare i modelli che possano suggerire le attività future dei titoli in esame.

Così come ci sono molti stili di investimento basati sull’analisi fondamentale, ci sono anche diversi tipi di operatori tecnici. Alcuni si basano su modelli di grafici, altri usano tecniche di indicatori e oscillatori , e la maggior parte utilizza una combinazione dei due. In ogni caso, solo gli analisti tecnici utilizzano indicatori  di prezzi storici e dati di volume. A differenza di analisti fondamentali, agli analisti tecnici non interessa se ​​un titolo è sottovalutato,  l’unica cosa che conta è il passato e le informazioni ricavabili dai grafici e dalla storia del titolo per cercare di definire e prevedere gli andamenti futuri.

Il campo di analisi tecnica per il trading online si basa su tre presupposti:

1. Il  mercato sconta tutto.

2. Prezzo si muove in trend.

3. Storia tende a ripetersi.

Una critica importante sull'analisi tecnica è che considera solo il movimento dei prezzi, ignorando i fattori fondamentali della società. Tuttavia, l’analisi tecnica presuppone che, in un dato momento,  il prezzo e gli altri parametri di un’azione riflette tutto ciò che è o possa pregiudicare la società – tra cui fattori fondamentali. Gli analisti tecnici ritengono che i fondamentali della società, insieme a più ampi fattori economici e la psicologia del mercato, sono tutti intrinseci negli indicatori (prezzi, volumi, ecc…), eliminando la necessità di considerare in realtà questi fattori separatamente. È consentito soltanto l’analisi del movimento dei prezzi, che vede la teoria tecnica come un prodotto della domanda e offerta di una particolare azione sul mercato.

2. Il prezzo si muove in Trend

In analisi tecnica, si ritiene che i prezzi seguono dei trend. Ciò significa che, dopo che è stato stabilito un trend, il movimento dei prezzi futuro è probabile prosegua  nella stessa direzione, come quando si stabilisce che un trend è finito allora si ipotizza che i prezzi nel futuro vadano in senso opposto al trend. La maggior parte delle strategie di trading online sono basate su questa ipotesi.

3. La storia tende a ripetersi

Un’altra idea importante in analisi tecnica è che la storia tende a ripetersi, soprattutto in termini di movimento dei prezzi. La natura ripetitiva dei movimenti dei prezzi viene attribuita alla psicologia del mercato, in altre parole, gli operatori di mercato tendono a fornire una risposta coerente a stimoli di mercato simili nel tempo. L’analisi tecnica utilizza modelli di grafico per analizzare i movimenti del mercato e capire le tendenze. Anche se molti di questi grafici sono stati utilizzati per più di 100 anni, sono ancora da ritenersi rilevanti, in quanto essi illustrano i modelli in movimento di prezzo che spesso si ripetono.

Non solo per Azioni

L’analisi tecnica può essere utilizzata su qualsiasi mercato, non solo quello delle azioni. Infatti va bene anche per  futures e commodity, titoli a reddito fisso, forex, ecc… In realtà, l’analisi tecnica è più frequentemente associata con le materie prime e forex, dove i partecipanti sono prevalentemente trader.

A cosa servono gli indicatori e gli oscillatori nell’analisi tecnica?

Gli indicatori sono utilizzati come un elemento secondario per aggiungere ulteriori informazioni  ai movimenti di prezzo effettivo e per l’analisi dei titoli. Gli indicatori sono utilizzati in due modi principali: per confermare il movimento dei prezzi e la qualità dei modelli di grafico e di formare segnali di acquisto e vendita.

Ci sono due principali tipi di indicatori: ingresso e uscita. Un indicatore di tendenza precede i movimenti di prezzo, dando loro una qualità di previsione, mentre un indicatore in ritardo di sviluppo è uno strumento di conferma, perché segue il movimento dei prezzi.

Ci sono anche due tipi di costruzioni indicatore: quelli che rientrano in un range limitato e quelli che non lo fanno. Quelli che sono tenuti all’interno di un intervallo sono chiamati oscillatori – questi sono il tipo più comune di indicatori. Indicatori oscillatore hanno una banda, ad esempio tra zero e 100, e periodi in cui il segnale è ipercomprato la sicurezza (vicino a 100) o di ipervenduto (vicino a zero).

I due modi principali per utilizzare gli indicatori per formare segnali di acquisto o vendita sono l’analisi dei crossover e delle divergenze.

I crossover sono i più popolari e si riflettono sia quando il prezzo si muove attraverso la media mobile, o quando due medie mobili differenti si incrociano tra altri indicatori. Il secondo modo è quello di utilizzare la divergenza, il che accade quando la direzione del trend dei prezzi e la direzione del trend dell’indicatore si stanno muovendo in direzioni opposte. Questo segnala agli utenti che l’indicatore di direzione del trend dei prezzi si sta indebolendo.

Gli indicatori aiutano ad identificare slancio, tendenze, volatilità e vari altri aspetti per facilitare la scelta nella analisi tecnica. E' importante notare che mentre alcuni trader online utilizzano un unico indicatore per trovare segnali di acquisto o vendita, è più produttivo utilizzarli in combinazione con il movimento dei prezzi, modelli grafici e altri indicatori.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi