Miti da sfatare sull’economia a Dubai

Una delle economie in più rapida crescita del mondo, il prodotto interno lordo di Dubai è proiettato a 107,1 miliardi di dollari, con un tasso di crescita del 6,1% nel 2014. Sebbene alcuni elementi fondamentali dell'infrastruttura commerciale di Dubai siano stati costruiti sull'industria petrolifera, i ricavi derivanti dal petrolio e dal gas naturale rappresentano meno del 5% dei ricavi emirati. Si stima, inoltre, che Dubai produce da 50.000 a 70.000 barili di olio al giorno e notevoli quantità di gas da campi offshore. La quota dell'emirato nei ricavi totali del gas dell'EUA è di circa il 2%. Le riserve di petrolio di Dubai sono diminuite in modo significativo e si prevede che saranno esaurite in 20 anni. Gli investimenti immobiliari e la costruzione (22,6%), il commercio (16%), l'entrepôt (15%) e i servizi finanziari (11%) sono i più grandi contributori dell'economia di Dubai. Ma cosa significa effettivamente investire a Dubai? Ecco i miti da sfatare.

Dubai non è un paradiso fiscale

Secondo il decreto fiscale sul reddito di Dubai, tutte le società che effettuano operazioni commerciali a Dubai sono tenute a pagare un'imposta sul loro reddito. I tassi di imposta sono su scala scorrevole fino ad un massimo del 55%. In pratica, tuttavia, solo le società produttrici di petrolio e di gas a pagare le tasse specificate nell'accordo di concessione in questione e le succursali delle banche estere pagano un'imposta forfettaria del 20% sui profitti annuali. Il reddito imponibile delle banche è calcolato riferendosi al bilancio di revisione contabile. L'Ordinanza sull'imposta sul reddito di Dubai del 1969 e il decreto fiscale sul reddito di Dubai (e il suo emendamento nel 1970) specificano che un'organizzazione che svolge attività commerciali a Dubai sarà comunque soggetta all'imposizione.

Il rischio di una bolla immobiliare 

Una nuova bolla immobiliare incombe su Dubai, con cantieri spari in ognidove? Le autorità locali affermano che non sta avvenendo e a testimonianza di ciò, chiedono un'attenta analisi sull'Expo 2020, sulla reale solidità di questa grande città. Al Mansoori (ministro dell'Economia), infatti, dichiara che l'esposizione comporterà una previsione di circa 25milioni di turisti e visitatori.

Joint-venture obbligatoria con partner locali 

Una joint venture è un accordo contrattuale tra un partito straniero e un partito locale autorizzato ad impegnarsi nell'attività desiderata. La partecipazione azionaria locale nella joint venture deve essere almeno del 51%, ma la distribuzione di profitto e perdita può essere prescritta. Non è necessario autorizzare la joint venture o pubblicare l'accordo. Il partner straniero si occupa di terzi con il nome del partner locale che, a meno che l'accordo non sia pubblicizzato, sia responsabile.
Realmente, però, esistono due alternative. La prima è quella di cooperare con una filiale, tanto che la sede rimarrà di proprietà della società natìa; la seconda, invece, è quella di ricercare le cosiddette "free zone": dove le società operano in perfetto individualismo.
Nella creazione di partnership con aziende locali appare fondamentale dotarsi di traduzioni arabo italiano realizzate a regola d'arte in modo da avere un approccio estremamente professionale alle nuove opportunità di business. 

Pari opportunità e ricchezza
Scegliere il quartiere dove risiedere a Dubai dovrebbe influenzare la tua decisione di investimento. La selezione di uno in prossimità di una scuola, un lavoro o di parchi sono tutti segni di un buon quartiere. Queste caratteristiche saranno utili se vuoi affittare la tua proprietà, vivere in essa o venderla in qualsiasi momento. Inoltre, la prassi, per la quasi totalità di chi risiede a Dubai, è quella di rinnovare il visto a cadenza triennale, infatti, è possibile vivere qui senza mai aver ottenuto o richiesto la cittadinanza.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi